MONTI SIBILLINI: AGGIORNAMENTO DOPO GLI EVENTI SISMICI DEL 30/10/2016

Le forti scosse sismiche del 26 e del 30 ottobre 2016 (magnitudo fino a 6.5 scala Richter) hanno profondamente segnato il territorio dei Sibillini.

Anche se non ci sono state vittime, la situazione che emerge è particolarmente drammatica.
Tutti i comuni all’interno del Parco hanno subito ingenti danni. Particolarmente colpiti sono i paesi di Visso, Ussita, Casali, Castelsantangelo sul Nera, Castelluccio di Norcia, Norcia, Preci, Pievetorina, Pievebovigliana, Fiastra e Bolognola. Pesante  il bilancio anche in molti comuni appena fuori dal Parco: Muccia, Camerino, Caldarola, Serrapetrona, San Ginesio, Cessapalombo, Camporotondo sul Fiatrone, Belforte del Chienti, San Severino Marche e Tolentino.
Le scosse del 26 e del 30 vanno ad aggravare la situazione già in essere dopo i movimenti sismici del 24 agosto che avevano già colpito la zona da Amatrice fino ad Arquata con numerosi danni nella fascia picena del Parco (Montegallo, Montemonaco, Comunanza, Amandola e Sarnano).

Allo stato attuale risultano interrotte la strada provinciale 209 della Valnerina (frana e scarico di pietre), la strada provinciale n. 136 e 477 da Castelsantangelo a Castelluccio e da Castelluccio fino a Norcia (scarico pietre e cedimento del manto stradale), la strada provinciale n. 34 dal bivio per Pretare fino a Forca di Presta,  la strada provinciale n. 120 da Bolognola a Pintura di Bolognola (lesioni campanile di Bolognola), la strada provinciale n. 66 da Ussita a Casali (cedimento del manto stradale) e la strada provinciale n. 120 da Sarnano a Sassotetto (scarico pietre). Leggi

Segnalati crolli sulla parete Nord del Monte Bove e sulle Gole dell’Infernaccio (area peraltro già interdetta in seguito a ordinanza del Comune di Montefortino dal 24/08/2016). Leggi

Quanto alla rete dei sentieri  “in questa fase sconsiglia qualsiasi escursione lungo i percorsi naturalistici fino a nuove comunicazioni che ne indichino il livello di sicurezza” (comunicato  stampa del Parco n. 13 del 01/11/2016).  Leggi

Il rifugio del Fargno risulta non danneggiato (anche se interrotte entrambe le strade di accesso da Pian di Pao e da Pintura di Bolognola). Danneggiati Capanna Ghezzi e il rifugio Perugia. Allo stato attuale non vi sono notizie circa lo stato di agibilità degli altri rifugi nel Parco.

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *