MONTI AZZURRI: LA TERRA DEI PICCOLI INCANTI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PARTENZA: Tolentino  (Mc)

DATI TECNICI: Km 220 – Dislivello 4.700 – Facile

PERIODO MIGLIORE: tutto l’anno

ITINERARIO: Gravel

FONDO: Strade asfaltate – Strade bianche – Sterrato



DESCRIZIONE

“E che pensieri immensi, che dolci sogni mi spirò la vista di quel lontano mar, quei monti azzurri, che di qua scopro, e che varcare un giorno io mi pensava, arcani mondi, arcana felicità fingendo al viver mio!” (G. Leopardi – Le Ricordanze)

Un bellissimo viaggio ai piedi dei Monti Sibillini in territorio, autentico e genuino, sempre in grado di stupire ed emozionare. Un lungo susseguirsi di crinali e vallate nascoste, stradine solitarie e borghi senza tempo. Ovunque, lungo l’intero viaggio, gli splendidi paesaggi dell’entroterra maceratese, dove forme e colori si modificano continuamente con il passare delle stagioni.

L’itinerario è stato concepito per essere diviso in più tappe, da percorrere libero da tempistiche e convenzioni prestabilite, così come dovrebbe essere ogni viaggiatore che decide di percorrerlo.
Lungo il percorso è possibile trovare molte strutture di diversa tipologia (agriturismi, alberghi, B&B, etc.) in grado di offrire servizi di qualità a chi decidesse di intraprendere questo viaggio.

Buona pedalata!


I BORGHI

Tolentino sorge lungo la vallata del Chienti e la sua posizione strategica ha fatto si che il suo territorio fosse abitato fin dall’antichità. Oggi, nonostante il suoi 20.000 abitanti, è riuscita a conservare il suo aspetto di centro ricco di storia ed arte.
Da visitare la bellissima basilica di San Nicola, la cattedrale di San Catervo, la piazza della Libertà, le mura medioevali e l’antico ponte del diavolo. Poco fuori dal centro, lungo l’itinerario, il Castello della Rancia e la meravigliosa Abbazia di Fiastra. In quanto centro più grande e servito da linea ferroviaria, Tolentino è stato scelto come punto di partenza per questo viaggio.
Serrapetrona è un piccolo borgo medioevale adagiato ai piedi della montagna. E’ tra queste colline che si produce la ormai  famosissima la “Vernaccia di Serrapetrona d.o.c.g.”, vino spumante rosso, unico per qualità, caratteristiche e tradizione apprezzato in tutto il mondo.
L’antico borgo di Belforte del Chienti sorge arroccato su una ripida altura che domina la sottostante valle del Chienti fino ai vicini monti Sibillini. All’interno dell’antica cinta muraria vede snodarsi un caratteristico dedalo di vicoli stretti che conducono alla bellissima piazza rinascimentale.
Terra d’arte e di castelli, Caldarola stupisce con il il suo raffinato assetto urbano che ne fa un autentico gioiello di architettura cinquecentesca. Conosciuta anche come “Terra dei Castelli”, Caldarola è circondata da cinque affascinanti borghi fortificati. Caldarola, per la sua particolare posizione, è considerata la porta a nord del parco Nazionale dei Monti Sibillini.
Attraversato dal fiume Fiastrone, da cui prende il nome, Camporotondo conserva ancora le antiche mura. Sulla piccolissima piazza  sorge il palazzo municipale, di fronte al quale si trova la chiesa matrice.
Adagiato a settecento metri d’altitudine, San Ginesio domina l’intera regione, dal mare alla montagna. Dal suo belvedere superba è la vista sull’intera catena dei Sibillini. Il borgo, chiuso da una possente cinta muraria, mantiene intatto l’impianto medievale ed accoglie un prestigioso patrimonio storico ed artistico.
Sarnano è rinomato centro turistico e termale ai piedi dei monti Sibillini. Molto bello è il nucleo storico il cui profilo si distingue per le due caratteristiche torri, la magnifica piazza, il palazzo del Popolo, il palazzo del Podestà, il palazzo dei Priori. Per il suo ricco patrimonio architettonico e naturalistico è considerato uno tra i borghi più belli d’Italia.
In Amandola la collina lascia rapidamente il posto alla montagna tra fitti boschi e imponenti scogli in arenaria modellati dall’azione millenaria del tempo. Il pregiato tartufo bianco,  una delle principali risorse di questo territorio, viene festeggiato ogni anno con la tradizionale festa Diamanti in tavola” che si svolge nel mese di novembre.
Monte San Martino, GualdoSant’Angelo in Pontano, Loro Piceno e Mogliano sono piccoli borghi  situati tra la magia dei Monti Sibillini, le verdi colline e l’orizzonte blu del Mare Adriatico.
La riserva naturale dell’Abbadia di Fiastra è  un posto davvero unico e di straordinaria bellezza: dall’antica Abbazia cistercense fino agli scavi dell’antica città romana di Urbs Salvia, dalla secolare selva alle dolci colline della campagna marchigiana sapientemente lavorate dalle mani dell’uomo.
Pollenza si adagia, in forma ellittica, su un crinale che divide le vallate del Potenza da quella del Chienti. Pollenza è conosciuta per le sue attività di artigianato artistico, che durano oltre cinque secoli, prima con la ceramica e la maiolica e infine con il legno e il restauro del mobile antico. Di particolare importanza storica è l’Abbazia di Rambona, risalente al IX secolo, con le tre imponenti absidi semicircolari di matrice preromanica.



Questo sito è totalmente gratuito e sempre lo sarà.
Tuttavia, se ritieni utili le informazioni messe a disposizione, allora considera l’ipotesi di fare una piccola donazione:
sarebbe un sostegno attivo e concreto per il mantenimento e il costante aggiornamento del sito.

You may also like...

5 Responses

  1. marco l'avventuriero scrive:

    fatto in 3 giorni con molta calma. Bellissimo itinerario da fare anche con una frontina
    Da sibillini bike map sempre il meglio!!!!

  2. Luca scrive:

    Buongiorno. Io e la mia signora, vorremmo fare questo percorso ad agosto con le borse da viaggio sui portapacchi, ritenete che ci possano essere delle difficoltà particolari? Abbiamo pensato ca 4 gg per farlo, per gli alloggi e meglio fare subito o si può aspettare anche fine luglio? Grazie per le disposte

    • Sibillini Bike Map scrive:

      Il gran tour dei Monti Azzurri è il classico itinerario gravel, con lunghi tratti imbrecciati che si alternano a tratti di asfalto secondario e non trafficato.
      Non ci sono problemi se affrontato con borse sul portapacchi.
      Il percorso si fa in 2/3 giorni. Il 4° giorno è per chi se la vuole prendere comoda, visitare paesi e godersi appieno la bellezza dei luoghi attraversati.
      Per le strutture agosto è sempre un mese particolare quindi è sempre consigliabile prenotare con anticipo.

      Grazie per averci contattato.

  3. stefano ravacci scrive:

    Due giorni in mezzo a tanta natura e bellissimi bellissimi paesi dell’entroterra marchigiano.
    Da consigliare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *