LA LUNGA VIA TRA I DUE PARCHI

Avevo conosciuto Stefano qualche tempo prima. Era un ragazzo molto più giovane di me ed ero rimasto colpito dai suoi modi gentili e riservati. Ma ciò che mi aveva più incuriosito era il suo modo di intendere l’avventura. Da qualche tempo aveva iniziato a provare le lunghe distanze. Da solo o con qualche amico non faceva differenza; di giorno ma soprattutto di notte, tanti chilometri di montagna vera, quella che farebbe paura alla maggior parte di noi.

Un giorno mi arriva un messaggio. Era Stefano che mi chiedeva informazioni su un certo itinerario che stava pianificando tra i Sibillini e i Monti della Laga. Aveva preparato tutto con molta cura. Mancavano solo pochi collegamenti per chiudere quello che da li a breve avremmo chiamato “La lunga via tra i due parchi“.

Passa un pò di tempo e mi arriva un nuovo messaggio: “per questo fine settimana è prevista una finestra di tempo stabile. Sei pronto per provare?”.

ARQUATA DEL TRONTO, 24/05/2014

La sveglia suona presto la mattina del ventiquattro maggio. Preparo le ultime cose quando fuori è ancora notte. Bisogna fare un’ora di macchina per raggiungere il punto di partenza.

1

Arriviamo ad Arquata quando il sole è da poco sorto. Prepariamo tutto il necessario e alle 7 in punto siamo pronti per prendere la strada della montagna.

1a

Rapidamente guadagniamo quota.  Saliamo fino alla base del versante sud del Monte Vettore. Bellissimo è il panorama sulla vallata del Tronto e i Monti della Laga le cui cime sono ancora imbiancate dalla neve

2a

9

Superato il Rifugio degli Alpini deviamo in direzione Forca Canepine. La pista prosegue alternando i due versanti della montagna, in bilico tra le Piane di Castelluccio e la vallata del Tronto.

Dominiamo dall’alto la conca di Amatrice.  Il panorama è grandioso e spazia dal Gran Sasso fino al lontano Terminillo.
Siamo nella parte più a sud del Parco ed abbiamo appena superato il primo grande dislivello della giornata.

3a

A Forca Canepine proseguiamo verso sud seguendo una pista che arriva fino ai Pantani di Accumoli.
Siamo su un posto unico e senza tempo dove i cavalli sono allo stato brado e i puledri sono liberi di crescere secondo le antiche leggi della natura.

17

4a

Riprendiamo la marcia recuperando quota fino a Forca dei Copelli.

22

5a

Raggiunto il passo iniziamo la lunga discesa fino al caratteristico abitato di Accumoli

6a

7a

Raggiunto il fondo valle proseguiamo verso Amatrice che in circa un’ora raggiungiamo.
In genere, quando si affrontano viaggi così impegnativi, difficilmente ci si concede pause troppo lunghe.  Ad Amatrice però sarebbe un peccato imperdonabile non fermarsi a gustare la famosa specialità del posto: gli spaghetti all’amatriciana.

8a

9a

Con nuova energia ci rimettiamo in marcia. Fino ad ora abbiamo percorso circa 50 km e siamo a circa la metà del nostro viaggio.
E’ necessario attraversare il fiume Tronto e raggiungere l’altra sponda

34

Proseguiamo ai piedi della Laga in un fazzoletto di terra dove quei pochi che sono rimasti vivono ancora di pastorizia ed agricoltura di montagna. La pista prosegue con un lungo saliscendi attraversando alcuni caratteristici villaggi

36

A San Capone facciamo scorta d’acqua prima d’affrontare il secondo grande dislivello. Macera della Morte è mille metri sopra di noi. La vetta, da dove ci troviamo, non è ancora visibile.  Tornante dopo tornante prendiamo quota in questa lunga marcia di avvicinamento.

Senza titolo-2

39

Arriviamo al rifugio Inversaturo dopo oltre due ore di costante salita.
41

Dal rifugio bisogna superare altri duecentocinquanta metri di quota. Il sentiero attacca subito con forte pendenza.  Per lunghi tratti si procede con la bici in spalla.

10a

45

La presenza di alcuni nevai rallentano molto la salita verso monte. Si sale come si può cercando qualche solido appiglio che permetta di non affondare sulla fragile coltre

11a

Improvvisamente il pendio si fa più lieve. La vetta è oramai a vista, mancano pochi metri per poterla finalmente toccare.

L’arrivo in vetta regala sempre momenti di grande intensità. Ci fermiamo qualche minuto ad ammirare  il profilo delle montagne,  le profonde vallate e gli immensi spazi che ci separano da ogni cosa. Tutto appare diverso quando viene osservato dall’alto. Da questa prospettiva tutto è speciale e prezioso.

47

La magia del momento non può durare più di qualche minuto. La neve sotto la vetta ha rallentato molto la salita. Siamo arrivati in cima troppo tardi e non vogliamo rischiare il sopraggiungere della notte su questi pendii a noi sconosciuti.

Ci caliamo lungo quei crinali erbosi che, man mano si fanno sentiero sempre più marcato.
L’ombra delle montagne inizia a far imbrunire il fondovalle.  Con la certezza di avercela ormai  fatta, proseguiamo lungo quell’interminabile serie di curvoni che da Passo di Chino scende sino ad Arquata.

48

Facciamo rientro ad Arquata quando ormai è quasi notte.
Quei centoquattro chilometri di montagna avevano lasciato il segno. Siamo molto stanchi in quel momento. Ci abbracciamo, ci complimentiamo l’uno con l’altro, ma sarà necessario qualche giorno prima di riuscire a realizzare ciò che avevamo appena fatto.

Non esistono proprie montagne, si sa, esistono però proprie esperienze. Sulle montagne possono salirci molti altri, ma nessuno potrà mai invadere le esperienze che rimangono nostre (W. Bonatti)

Itinerario

Bikers: Fabrizio Castelli, Stefano Giovannini
Foto e testi: Fabrizio Castelli

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *