GOLE DELL’INFERNACCIO – ZAPPACENERE

panorama dalla vetta del monte porche

Se è vero che “la fortuna aiuta gli audaci” è anche vero che “l’eccezione conferma la regola”. Ed è da queste verità che voglio raccontare una nuova storia.

Tutto ha inizio l’08 luglio 2011 quando decise nuovamente di sfidare la montagna.
Per dire la verità le premesse erano tutte dalla sua parte: qualche settimana prima, aveva vinto in solitaria le insidiose creste della Sibilla; aveva poi conquistato la più ambita meta dei Laghi di Pilato.

Sulle ali di tanto entusiasmo, decise di provare in solitaria una nuova grande impresa!
L’idea era quella di inoltrarsi in una delle zone meno accessibili e meno frequentate dell’intero gruppo dei Sibillini.
L’itinerario prevedeva infatti la risalita delle Gole dell’infernaccio fino a Passo Cattivo. Da qui, voleva proseguire tentando le Creste in direzione sud, per poi calarsi nella Valle di Foce percorrendo il sentiero Zappacenere.
Così come era stato studiato sulla carta, il progetto prevedeva di scalare 2300 metri di dislivello in circa 45 km. Il tempo di percorrenza era stato stimato in circa 7 ore alle quali bisognava aggiungere il tempo delle varie soste.
Per realizzare l’impresa era necessario addentrarsi in luoghi i cui nomi (Infernaccio, Passo Cattivo, Zappacenere, ecc.) sono tanto affascinanti quanto sinistri ed inquietanti.

Digital Image

Ma la buona sorte non fu dalla parte dell’audace Professore! Gli Dei, gelosi custodi della montagna, respinsero il malcapitato e, anziché mandargli fulmini e saette, infierirono contro di lui spezzandogli la catena del suo generoso compagno di avventura.
Era arrivato fino al punto del non ritorno, andare avanti non era possibile. Bisognava solo ripiegare indietro, azzerando in un solo colpo tutte le fatiche che fino a quel punto erano state sofferte.

Il Professoraccio, tuttavia, non lascia mai le cose in sospeso! Sa che un lavoro iniziato va sempre portato a termine.

Per il secondo tentativo non fu necessario aspettare molto tempo….breve consulto con Konan e tutto fu deciso per il giorno 14 luglio 2011.

.
L’appuntamento è per le ore 6,30. La giornata è splendida e le condizioni meteo promettono bene. Pochi minuti per organizzare la partenza da Rubbiano ed ecco già i due avventurieri  pronti per la scalata delle Gole dell’Infernaccio.

L’arrivo alle “Pisciarelle” annuncia l’ingresso nelle selvagge gole

PISCIARELLE

le pisciarelle

Subito ci si accorge delle grandi difficoltà che bisogna affrontare: una valanga causata dalle abbondanti nevicate invernali ha chiuso l’imbocco delle gole. E’ necessario farsi largo tra mucchi di neve, detriti e alberi spezzati dalla furia della natura.

gole dell'infernaccio

gole dell’infernaccio

gole dell'infernaccio

gole dell’infernaccio

Usciti dall’Orrido, il sentiero si fa molto piacevole, ora su una sponda, ora sull’altra del impetuoso torrente. L’ambiente è molto selvaggio: a destra le pendici della Priora, a sinistra quelle più severe della Sibilla….in mezzo il torrente che scorre  nascosto tra la fitta vegetazione.

gole dell'infernaccio

gole dell’infernaccio

A Capotenna inizia una parte molto dura del percorso: una lunga salita che rapida sale fino a Passo Cattivo e, da qui, prosegue sopra le creste rimanendo quasi sempre oltre i 2000 metri di quota.

val di tenna

val di tenna

Il sentiero s’inerpica subito con forte pendenza e rapidamente si guadagnano diversi metri sul livello del mare.
Le Gole dell’Infernaccio si fanno sempre più lontane man mano che il sentiero prosegue la sua marcia verso monte:

gole dell'infernaccio

gole dell’infernaccio

La salita fino a Passo Cattivo non concede sconti. Lunga, a tratti molto ripida e su fondo sconnesso. Non concede mai tregua, tira sempre senza mai allentare la presa. La fatica è tuttavia alleviata dagli splendidi scenari che si aprono in tutte le direzioni:

alta val di tenna

alta val di tenna

panorama sulla val di tenna

panorama sulla val di tenna

Qui la pace è assoluta……. Il verde dei prati, i profumi estivi della montagna, il silenzio tombale che solo questi posti possono regalare!

Nonostante la bella stagione, non si incontra anima viva. Ci sono le Guardie Forestali, con il telescopio puntato sulle cime per seguire gli spostamenti dei camosci. Sembra incredibile, ma ci sono quattro persone in tutto, compresi i due bikers, per un’intera vallata!

alta val di tenna

alta val di tenna

Finalmente l’arrivo a Passo Cattivo: fino a qui sono stati percorsi circa 15 km e sono stati superati 1400 mt di dislivello.

passo cattivo

passo cattivo

Passo Cattivo o Malopasso, un nome per definizione sinistro ed ambiguo. Fin dai tempi più remoti, era transitato per raggiungere i pascoli dell’alta Val di Tenna e per i normali scambi commerciali tra le due vallate. Un luogo pericoloso, che un tempo gli abitanti della zona dovevano raggiungere per soddisfare le loro necessità vitali.

I due bikers si concedono una meritata sosta per ammirare il grande spettacolo: a destra la Valle del Nera, a sinistra la Val di Tenna. Tutto intorno le principali cime degli Sibillini: la Priora, Pizzo Berro, la Sibilla, il Monte Bove. Poco più avanti Cima Vallinfante e Cima Cannafusto. In lontananza si riconosce la sagoma del Monte Cardosa.

Ma la sosta non può durare troppo, molto lunga è la strada che bisogna ancora percorrere. E’ necessario salire sulle creste e, da qui, proseguire in direzione sud.

Da Passo Cattivo il sentiero si inerpica fin sotto la vetta di Cima Vallinfante, superando bruscamente altri 200 di dislivello.
Nella prima parte si procede ancora in sella:

salita a cima vallinfante

salita a cima vallinfante

Poi la pista si fa proibitiva e non rimane che spingere

salita a cima vallinfante

salita a cima vallinfante

Finalmente l’arrivo in quota. Una lunga dorsale, quasi tutta pedalabile, accompagnerà i due fino alla spalla nord di Palazzo Borghese.

alta via dei sibillini

alta via dei sibillini

alta via dei sibillini

alta via dei sibillini

alta via dei sibillini

alta via dei sibillini

salita alla sella nord del porche

salita alla sella nord del porche

Il sentiero sulle creste è un ottimo balcone panoramico regalando paesaggi mozzafiato su entrambi i versanti

vallelunga

vallelunga

panorama sulle piane di castelluccio

panorama sulle piane di castelluccio

alta via dei sibillini

alta via dei sibillini

alta via dei sibillini

alta via dei sibillini

Poi l’arrivo al cospetto di Palazzo Borghese e, da qui, l’attacco del tanto sospirato sentiero Zappacenere.

Lo Zappacenere ha uno sviluppo complessivo di circa 7 km e, partendo da quota 2100, scende fino a fondo valle (circa 900 slm).

Il sentiero dapprima scorre placido sui prati d’alta quota:

zappacenere

zappacenere

poi si distende sul fianco meridionale del Monte Porche, in direzione della Cima Vallelunga e della Sibilla:

zappacenere

zappacenere

cima vallelunga

cima vallelunga

Un pastore guarda incuriosito il passaggio fuori sella dei due bikers:

zappacenere

zappacenere

Il dolomitico sperone di Palazzo Borghese, di spalle rispetto alla direzione di marcia, regala la sensazione di pedalare su altre latitudini:

zappacenere

zappacenere

zappacenere

zappacenere

zappacenere

Si alternano tratti su bosco a tratti scoperti e panoramici, con vista mare (Adriatico) nelle giornate più limpide. Poi si prosegue con un lungo susseguirsi di tornanti sul fianco della montagna:

zappacenere

zappacenere

zappacenere

zappacenere

Infine il sentiero precipita bruscamente fino a fondo valle:

zappacenere

zappacenere

zappacenere

zappacenere

A fondo valle, la missione non è ancora compiuta: occorre risalire a Montemonaco e da qui, con un lungo saliscendi, proseguire fino a Rubbiano.

Saliti a Montemonaco c’è ancora il tempo per fermarsi ad ammirare l’opera appena compiuta: in alto al centro, lo sagoma di Palazzo Borghese; sulla destra, le pendici di Cima Vallelunga e della Sibilla; lungo i fianchi di queste due montagne tutto lo Zappacenere, appena percorso nella sua interezza fino a fondo valle.

palazzo borghese (al centro) e lo zappacenere

palazzo borghese (al centro) e lo zappacenere

A questo punto Konan ripone la macchina fotografica nella sua custodia. Il fotografo, oramai stanco e provato, decide di godersi il meritato riposo.

Itinerario

Bikers: Marzio Mastrocola, Fabrizio Castelli

Foto e testi: Fabrizio Castelli

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *