MURGE MATERANE

Una sera d’estate, guardando la TV, distrattamente mi imbatto in una trasmissione che parla delle gravine presenti nella zona intorno a Matera. Rimango ad ascoltare finchè la mia attenzione viene catturata da Ginosa, una cittadina nel cuore della Murgia Materana.
La mente inizia a fantasticare. Con crescente interesse inizio a documentarmi su quei luoghi che per me erano ancora sconosciuti.

Settembre è alle porte e, come spesso accade,  è una buona occasione per un’ultimo viaggio prima della fine dell’estate.
La meta scelta è la Murgia Materana, una zona a confine tra la Puglia e la Basilicata.
L’idea è quella di partire da Gravina di Puglia e scendere in direzione sud fino alla costa Jonica. Da qui avremmo proseguito lungo la costa per poi risalire, nei giorni successivi, in direzione nord.

Con la benedizione del meteo la partenza è decisa per il 20 settembre 2019.

Dopo una bella colazione nella piazza del paese inizia il nostro viaggio.
Non è facile orientarsi tra le strette vie del centro storico di Gravina di Puglia

BASILICATA 21 09 2019 003

Appena fuori dalla città ci immergiamo immediatamente nella solitudine del tavoliere delle Puglie.
Percorriamo molti chilometri su affascinanti stradine secondarie circondati da campi appena arati e vasti uliveti secolari

Lasciamo la Puglia per entrare nella Basilicata

Dopo circa 3 ore di marcia arriviamo a Matera, la città dei Sassi.
Matera è al centro di un incredibile paesaggio rupestre che conserva un grande patrimonio di cultura e tradizioni.

BASILICATA 21 09 2019 149

BASILICATA 21 09 2019 190

I Sassi di Matera sono il risultato della capacità dell’uomo di adattarsi  all’ambiente naturale che lo circonda.
L’unicità dei Sassi è il  motivo per cui l’UNESCO li ha inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale. Dal punto di vista architettonico presentano una serie incredibile di elementi che si sono stratificati nel tempo, dai complessi rupestri scavati dall’uomo, alle chiese rupestri, aree di sepoltura, che si alternano continuamente con costruzioni di ogni tempo formando un luogo unico e grande  fascino.

20190920_123753

Ci fermiamo per un bel pieno d’energia in una tra le tante osterie del centro

Riprendiamo la marcia in direzione sud. Ci sono ancora molti chilometri prima di arrivare sulla costa Jonica

BASILICATA 21 09 2019 284

Il viaggio prosegue in un lungo saliscendi tra dolci colline sapientemente lavorate dalle mani dell’uomo

BASILICATA 21 09 2019 297

BASILICATA 21 09 2019 347

Attraversiamo borghi che non sembrano aver subito il passaggio del tempo, fermi e statici come le rocce su cui sono stati costruiti.
Adagiato in cima ad un’altura raggiungiamo Montescaglioso, nota come la città dei Monasteri

BASILICATA 21 09 2019 423

BASILICATA 21 09 2019 440 BASILICATA 21 09 2019 485

da Montescaglioso la vista sulle piane è davvero spettacolare

BASILICATA 21 09 2019 495

Ci rimettiamo in marcia. Abbiamo deciso di proseguire senza altre soste in modo da raggiungere la costa prima di sera

Le dolci colline lasciano il posto a vaste distese pianeggianti segnate da stradine secondarie che armoniose scivolano verso il mare.
Da queste parti Madre terra è davvero generosa. Ne approfittiamo per un dolcissimo fermastomaco a chilometri zero

BASILICATA 21 09 2019 543

Con la migliore luce della giornata raggiungiamo la meta che ci eravamo prefissi

BASILICATA 21 09 2019 614

Aspettiamo in riva al mare gli ultimi istanti di questo giorno, con il sole che si riflette sull’acqua regalandoci un bellissimo spettacolo di luci e colori

BASILICATA 21 09 2019 623 BASILICATA 21 09 2019 611

Ci alziamo di buon ora la mattina del giorno seguente. La temperatura è ancora fresca ma un cielo senza nuvole lascia presagire la giornata che sarà.

Ci muoviamo in direzione di Metaponto con l’idea di visitare i resti della Magna Grecia.

BASILICATA 21 09 2019 665

L’antica polis di Metapontum è stata per secoli simbolo di arte e storia ellenica, un’importante ponte tra oriente e occidente che conserva ancora oggi i segni della grandiosità del suo passato

BASILICATA 21 09 2019 772

BASILICATA 21 09 2019 863

Terminata la visita ai siti archeologici, decidiamo per una sosta in spiaggia con bagno di fine stagione in un mar Jonio che si mostra nelle condizioni migliori

BASILICATA 21 09 2019 780

BASILICATA 21 09 2019 818

Ripartiamo in direzione Ginosa dove abbiamo deciso di fermarci per la seconda notte.

BASILICATA 21 09 2019 914

Quando il sole ha già iniziato la sua discesa dietro le colline raggiungiamo Ginosa, il vero motivo per cui abbiamo intrapreso questo viaggio

Ginosa ci accoglie in tutto il suo splendore.
Gli ultimi raggi di sole tingono di rosa le case bianche che si affacciano sulla gravina.
E’ un’atmosfera magica, che ti rapisce e ti lascia senza parole.

BASILICATA 21 09 2019 974

BASILICATA 21 09 2019 976

Troviamo sistemazione per la notte.

La sveglia suona presto la mattina del terzo giorno. C’è Carmelo ad aspettarci per la visita nella gravina.

Senza titolo-1

BASILICATA 21 09 2019 1015 BASILICATA 21 09 2019 1020

BASILICATA 21 09 2019 1054BASILICATA 21 09 2019 1073

Carmelo, persona dolcissima e autentica,  è il custode della chiesa Madre.
Nato e cresciuto nella gravina inizia a svelarci ogni mistero di questo mondo a noi sconosciuto, un mondo fatto non solo di grotte ed abitazioni rupestri ma anche di storie, di gesti quotidiani, di una vita non lontana vissuta con grande dignità

BASILICATA 21 09 2019 1078

20190922_091329

BASILICATA 21 09 2019 1116

Attraversiamo la gravina nella solitudine di un luogo appartato. Il silenzio è spezzato solo dal sibilo del vento che si incanala tra le alte sponde rocciose

BASILICATA 21 09 2019 1151

BASILICATA 21 09 2019 1221

BASILICATA 21 09 2019 1241

BASILICATA 21 09 2019 1268

Abbiamo ancora alcune ore di marcia davanti a noi. Riprendiamo la strada che ci porterà in direzione nord

BASILICATA 21 09 2019 1388

La via prosegue in un lungo saliscendi tra vastissime distese i cui confini si perdono alla vista dell’occhio.  Di tanto in tanto incontriamo qualche masseria con i tipici muretti di pietra a secco che fanno da cornice e ci accompagnano lungo la strada.

Sono le ore centrali di un giorno di fine estate. Il sole picchia ancora forte a queste latitudini. L’orizzonte sembra sfocato per via del calore che viene restituito dalla terra.
Percorriamo svariati chilometri nella solitudine di un mondo che ci sembra non appartenere a nessuno

BASILICATA 21 09 2019 1502

Finalmente siamo alle porte di Altamura, la città del pane.

Senza titolo-2

Entriamo nel cuore della città percorrendo le tipiche vie lastricate di pietra bianca.

I vicoli sono così stretti che i palazzi sembrano toccarsi.
Il duomo imponente si affaccia sulla bellissima piazza dove decidiamo di fare una piccola sosta.

BASILICATA 21 09 2019 1526

Ci separa solo poca strada da dove è iniziato il nostro viaggio. Una manciata di chilometri per concludere  questa avventura iniziata una sera per caso e  che, piano piano, ha preso forma trasformandosi in un bellissimo viaggio.

BASILICATA 21 09 2019 1543

Questa zona, a confine tra Puglia e Basilicata, nascosta e ancora lontana dai riflettori del turismo di massa, è stata una bellissima scoperta.  Armoniosa e quieta nelle campagne, viva e caotica nelle città con quel movimento festoso tipico del sud. Il sole, il mare, i profumi che hanno invaso tutti i nostri sensi. La storia millenaria che ha visto incontrarsi civiltà appartenenti a mondi lontani. Le tradizioni, ancora forti ed autentiche. Infine le persone incontrate, gentili ed accoglienti, che ovunque ci hanno fatto sentire a casa.

 

Un viaggio non inizia nel momento in cui partiamo né finisce nel momento in cui raggiungiamo la meta. In realtà comincia molto prima e non finisce mai, dato che i ricordi continuano a scorrerci dentro anche dopo che ci siamo fermati” (Ryszard Kapuscinski).

You may also like...

4 Responses

  1. guido scrive:

    bellissimo viaggio — bravi

  2. Filippo scrive:

    Una traccia del giro è si può fare in un fine settimana partendo il venerdì?.
    Grazie

  3. Michele scrive:

    Molto bello e interessante.Ottimo reportage.Bravissimi e ammirevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *