MONTE PETRELLA variante hard

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PARTENZA: Località Pievefavera – Caldarola (Mc)

DATI TECNICI: Km 25 – Dislivello 1000 – Medio

PERIODO MIGLIORE: da aprile a novembre



DESCRIZIONE

Itinerario molto interessante da un punto di vista paesaggistico che si sviluppa nella parte più settentrinale del Parco Nazionale dei Monti Sibillini.
Si parte dal borgo medievale di Pievefavera e si imbocca il sentiero immediatamente dietro la chiesa del paese.
Il sentiero sale per circa 6 km e, dopo un inizio abbastanza abbordabile, si fa molto ripido con pendenze superiori al 20%. Il sentiero termina incrociando la carrareccia che sale in direzione della chiesina di S. Maria Maddalena.
Giunti di fronte alla sperduta chiesina, si imbocca la pista erbosa che parte sulla sinistra. Alle varie biforcazioni occorre mantenere sempre la destra e imboccare la ripida carrareccia che sale fin quasi sotto la vetta del Monte Fiegni.
Da qui inizia la lunga discesa verso il Monte Petrella.
Il sentiero dapprima si mantiene sulla cresta offrendo una spettacolare vista sui Sibillini e sulle Gole del Fiastrone; successivamente inizia a scendere lungo il fianco della montagna fino a congiungersi con il bel sentiero delle Carbonaie.
Poco prima di arrivare alla frazione Villa di Montaldo si imbocca la ripida strada imbrecciata che sale a Tribbio e da qui, seguendo il sentiero dei Partigiani, proseguire fino in direzione Vestignano e da qui fino al punti di partenza.

Buona pedalata!!


VARIANTE

per la variante che evita i duro tratto iniziale vedi qui


You may also like...

2 Responses

  1. fabiocile scrive:

    salita tosta veramente, io ho pure sbagliato sentiero e ho fatto un paio di km in salita al 25% con fondo ghiaioso e super sconnesso (bici a spalla) prima di ricongiungermi con la traccia originale. quindi non sbagliate. il resto e tutto panoramico e solo con alcuni tratti tecnici.
    mi e dispiaciuto vedere tutte quelle belle frazioni abbandonate per il terremoto.

    • admin scrive:

      al bivio hai proseguito dritto anzichè voltare a destra. Avresti trovato alcuni tratti molto faticosi ma sempre pedalabili (con buone gambe) su fondo solo a tratti impegnativo.
      Comunque una salita di grande soddisfazione….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *